Firma per riportare L'Insonne in edicola! Bastano pochi click!

lunedì 8 ottobre 2012

Tutti professionisti c'a professione mia

Ho ricevuto questo commento e ho deciso di dedicargli un post. I 15 minuti di Andy Warhol non si negano a nessuno.

Scrive Alessandro:
"Perdonami Giuseppe se intervengo, ti pongo un quesito assolutamente non polemico ma a cui, secondo me, dovresti rispondere perché non sono l'unico che se lo pone.
Tu sei prima di tutto un disegnatore e scrivi anche. Ma nasci come disegnatore e appunto campi facendo il lavoro del disegnatore.
Se ami così tanto il tuo personaggio, invece di far "lavorare gratis" un equipaggio di nuovi adepti, perché non utilizzi il tuo tempo libero (extra lavoro di Diabolik che ti fa mangiare, lo ribadisco non preoccuparti) per disegnare delle storie così da portare avanti al serie in un nuovo progetto anche gratuitamente via web come fa Makkox o mille altri?
Recchioni si è disegnato da solo un intero libro "ASSO" ed ora lo pubblica e lo pagano pure.
Penso che un personaggio come l'Insonne ha mille modi di essere sfruttato, soprattutto da te che hai la fortuna di poterlo anche disegnare. Tu non hai limiti. Puoi fare quello che ti pare.
Se davvero pensi che non sia morto perché invece di continuare a persistere sfruttando gente che per un tozzo di visibilità si offre gratis non te lo disegni tu e dimostri che hai ragione. Che il tuo personaggio ha davvero le caratteristiche e la forza di diventare un successo?
Non mi dire che hai tempo, tutti abbiamo del tempo per fare quello che ci piace. Non te lo prescrive il dottore di fare una miniserie da 12 numeri, potresti fare anche una graphc novel, uno spin off via web, delle strisce a colori settimanali. Hai l'imbarazzo della scelta per continuare a far vivere il tuo personaggio.
Ma lamentarti che ci sono editori o radio che non credono in Desdemona scaricando tutto su di loro è un pò ingeneroso. Del resto sei un professionista, hai entrate sicure ogni mese, non hai necessità di sfruttare un esordiente. Insomma spiegami perché il "modello Insonne" è un'agonia che dura da almeno 20 anni.
Io vorrei vedere un Giuseppe che tira fuori gli attributi, che la sera piuttosto che andare al pub rimane a casa a fare anche solo un paio di vignette dell'Insonne, il creatore-papà che decide con un tentativo estremo di dare un segnale al settore.
Un cordiale saluti, Alessandro"


Ciao Alessandro.
"Tutti professionisti c'a professione mia", dice Luca Persico in uno dei suoi ultimi brani.
Non hai intenzioni polemiche ma usi la parola "sfruttare" e questo, nei miei confronti è ingiusto e offensivo, visto che NON HAI IDEA di come io sviluppi i miei rapporti di collaborazione.
Non vuoi essere polemico ma lo sei. Vuol dire che mi adeguerò ;)

La risposta è molto semplice, anzi, sotto gli occhi di chiunque conosca il lavoro del disegnatore.
Per disegnare un albo di "Diabolik" mi servono 5 mesi. Io NON posso rallentare ulteriormente la mia "produzione diabolika", perché da me dipende il mio collega e inchiostratore Jacopo Brandi, ed ho anche un gentlemen agreement con la casa editrice che sa che può contare su di me per una certa quantità di tavole l'anno.
Ti sarà saltato all'occhio che, anche quando la serie de L'Insonne era in edicola, il sottoscritto non l'ha mai disegnata (a parte le 32 pagine del n°0).
Il resto lo fa la matematica: 10 mesi su Diabolik più 2 alla scuola del fumetto. Urka! E' finito un altro anno!

Veniamo alla faccenda che mi urta di più.
Io non sfrutto nessuno.
E SPERO che chi ha collaborato con me in questi anni possa testimoniare QUI e subito.
Sai come sono nate le storie brevi che sono uscite su Verticalismi?
Perché io, bieco "sfruttatore" mi sono approfittato?
No.
Perché ricevevo questo tipo di mail: "Salve sig. Di Bernardo, sono un giovane disegnatore, avrebbe una sceneggiatura che io possa disegnare per fare esercizio?" Oppure: "Salve Sig. Di Bernardo, mi piacerebbe scrivere una storia de L'Insonne. Posso? Ne parliamo?"
E io giù, a dare consigli.
Non ci crederai, ma credo di essere uno dei pochi che risponde alle mail degli wannabe.

Se mi sollazzassi a disegnare delle storie nuove de "L'Insonne" da farvi leggere gratis on-line, dovrei rallentare la produzione diabolika perché, certamente non puoi saperlo, ma io NON HO RITAGLI DI TEMPO. Fare l'editor, scrivere, disegnare, insegnare e corrispondere virtualmente con tanti tanti tanti tanti disegnatori e sceneggiatori che mi riempiono la mail, non lascia  tempo alcuno. Se non ci credi mi spiace, ma le cose stanno così. Non vado al pub. Riesco a malapena a correre un po' e a portare la mia signorina in qualche milonga notturna.

Ti faccio anche notare che da ANNI io scrivo le storie de "L'Insonne" GRATIS. Credo che l'ultimo albo che mi è stato pagato sia stato il n° 8 della serie della Free.

L'Insonne è un'agonia che dura da vent'anni semplicemente perché IO non mi sono arreso. Altri lo hanno fatto e hanno cambiato personaggio, non perché i nuovi personaggi fossero migliori, ma solo perché era più conveniente.
L'agonia magari è la vostra perché io continuo ad ammorbarvi con questa storia di Desdemona.
Bene.
CI GODO.
Perché se era per il mondo del "fumetto che conta" Desdemona sarebbe già morta e sepolta dal '95. E invece siamo ancora qui. E se Desdemona c'è ancora lo deve paradossalmente a Diabolik, grazie al quale io ho potuto sopravvivere.
Comunque se vi urta leggere le mie lamentele potete sempre girare al largo da qui :)

Oltretutto, tenendo presente il ritmo di una pagina ogni due giorni di lavoro, la mia produzione de L'insonne sarebbe davvero insignificante e sappiamo bene che on-line funzionano solo le cose che hanno un aggiornamento continuo e regolare.
Ai miei amici e collaboratori io non ho proposto un "lavoro non pagato", non ho messo annunci o roba del genere. Proporrò questa cosa a chi busserà alla mia porta virtuale, ma le condizioni saranno chiare fin dall'inizio.

Un cordiale saluto anche a te. E spero che la faccenda ti sia più chiara ;)

<G>

Dimenticavo. Per quella faccenda delle Radio sappiate che Desdemona NON c'entrava un accidente.

34 commenti:

  1. "Giuseppe che tira fuori gli attributi, che la sera piuttosto che andare al pub rimane a casa a fare anche solo un paio di vignette dell'Insonne"

    wow, quindi è uno che ti conosce benissimo e che viene al pub con te, per sapere che ci vai!

    RispondiElimina
  2. Io non ci ho ancora lavorato, ma, quando è stato il momento, mi sono offerto "volontario" e una frase del genere: "perché invece di continuare a persistere sfruttando gente che per un tozzo di visibilità si offre gratis", ma fa capire la pochezza di chi ha scritto la simpatica letterina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Questa frase mi ha dato davvero fastidio. Ora spero che i vari collaboratori abbiano voglia di testimoniare.

      Elimina
  3. Sono uno dei primi a muovere critiche a Giuseppe su parecchie cose ma di certo non lo si può reputare uno sfruttatore. Come spesso ho dichiarato in numerose interviste la collaborazione con l'Insonne e con Giuseppe sono servite a farmi entrare nel mondo del fumetto come professionista. Giuseppe è una persona disponibile ad elargire consigli. Mi ritengo fortunato ad aver iniziato la mia carriera lavorativa con lui. Detto questo alle volte è un pò ingenuo e presappochista magari, ma se non gli facevo due piccole critiche polemiche non sembravo io eh eh. Più che sfruttare il Di Bernardo è da sfruttare, un uomo usa e getta come non ce ne sono più ;-). Ciao Giuseppe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Fabiano... spesso sono un pressappochista.

      Elimina
  4. Salve a tutti!
    Sono Luigi De Michele e ho disegnato il breve episodio de "L'insonne" morte a piccole dosi.
    Sono stato io a contattare Giuseppe Di Bernardo,prima con una breve e-mail di presentazione e poi "inondandolo" di tavole ancora acerbe e piene zeppe di errori!
    Giuseppe mi ha sempre dato una marea di consigli dedicandomi tempo che molto probabilmete ha sottratto al suo lavoro!Posso dire con certezza che è rarissimo trovare professionisti cosi disponibili e cosi pazienti:)!Gli esordienti alle prime armi come me hanno bisogno di crescere ,farsi le ossa e disegnare storie come quella che ho voluto realizzare per Desdy è la maniera migliore.Teniamo bene a mente che siamo esordienti,molte volte autodidatti e prima di considerarci professionisti ne dobbiamo fare di tavole!Un saluto a tutti
    Luigi

    RispondiElimina
  5. Ps:
    La frase "perché invece di continuare a persistere sfruttando gente che per un tozzo di visibilità si offre gratis" urta parecchio anche me!Diamine a nessuno viene in mente che magari a chi si propone non importa una cippa della visibilità e vuole confrontarsi con una sceneggiatura professionale per migliorarsi,per crescere ?
    Luigi De Michele

    RispondiElimina
  6. Io personalmente non ho nulla da lamentarmi..ho mandato le prove a Giuseppe all'epoca, e mi ha detto che al momento la serie regolare stava chiudendo, mi ha proposto di fare una storia breve online, e sapevo io stesso che non sarebbe stata pagata, ma ho accettato semplicemente perchè ero agli inizi e avevo piacere comunque di fare qualcosa..nessuno mi ha sfruttato, e non mi sarei fatto sfruttare nel caso.

    Stefano Carloni

    RispondiElimina
  7. Caro Alessandro: è vero nel fumetto c'è parecchia gente che sfrutta (e lo può fare perché c'è gente disposta a farsi sfruttare), ma in questo caso posso dirti che sbagli proprio persona. Inanzitutto, è una persona prodiga di consigli spassionati, disinteressati e altamente professionali. Inoltre, grazie a Giuseppe, direttamente o indirettamente, molti sono entrati nel "professionismo", e non lavorando gratis. Oltretutto, nei rapporti tra disegnatori ed editori, lui è uno che ci mette la faccia. Vorrei vedere quanti altri possono veramente dire lo stesso. E' da molto che lo conosco, e credo di aver conosciuto poche persone cristalline ed entusiaste come lui. Per inciso, in tutto questo tempo che ci conosciamo, ho disegnato solo un'illustrazione per Desdy e l'ho fatta per affetto.

    RispondiElimina
  8. Giuseppe è tutt'altro che uno sfruttatore. E' uno che è stato ed è capace di dare delle opportunità. Io ho iniziato la mia avventura in Star Comics grazie a lui, che dopo avermi dato l'opportunità di disegnare il nono episodio de L'insonne mi propose come disegnatore per Cornelio. Se oggi Giuseppe mi mi dicesse: "mi disegni 12 tavole di Desdemona gratis?" Io gli direi di si!

    Francesco Bonanno

    RispondiElimina
  9. E' iniziato tutto quest'estate su Facebook.
    "Io una storia de L'Insonne la disegnerei volentieri", scrissi commentando un post di Giuseppe.
    "Io scrivo per chiunque abbia voglia di cimentarsi", mi rispose uno sceneggiatore
    Lo contatto, decidiamo di collaborare, informiamo Giuseppe e lui si offre di supervisionarci. Dopo un paio di settimane ricevo la sceneggiatura e inizio a disegnarla.

    In tutto questo dovrei sentirmi sfruttato? Non credo proprio.
    Innanzitutto mi sono offerto io di disegnare una storia. Nessuno mi ha contattato nè mi ha chiesto nulla promettendomi chissà che cosa.
    Inoltre la collaborazione è totalmente libera e "amichevole", senza vincoli. Per un disegnatore palestre come questa sono utilissime a fare esperienza. Per me è stata un'esperienza fondamentale. Chi ti dà la possibilità di esordire disegnando un personaggio di una certa importanza, con un buon bacino di pubblico e soprattutto lavorando su sceneggiature professionali, senza preoccuparti di scadenze, consegne, ecc.? Quale autore mette al servizio la sua esperienza per collaborare con disegnatori e sceneggiatori alle prime o primissime armi? Qualcuno c'è ma sono sono pochi, pochissimi. In più di un'occasione Giuseppe mi ha detto di lavorare con calma, di prendermi il tempo che mi serviva perchè tanto non c'è fretta. Del resto non siamo disegnatori professionisti (almeno non ancora): alcuni di noi lavorano, altri studiano, altri hanno altre attività. Per disegnare come si deve una storia (breve o lunga che sia) serve tempo, parecchio tempo, e siamo costretti a disegnare nel tempo libero. Parlo per me ma vale praticamente per tutti quelli che vogliono fare del fumetto un mestiere. Per questo mi viene da ridere quando si consiglia ad un professionista di disegnare altri progetti nel tempo libero. Chi disegna professionalmente ha pochissimo tempo libero e, giustamente, spesso preferisce dedicarlo ad altre cose (grazie al cielo esiste una vita anche al di fuori del fumetto, altrimenti sai che noia).

    Tengo a dire che tutto questo non è una sviolinata o una difesa nei confronti di Giuseppe per partito preso. Con Giuseppe abbiamo avuto spesso scambi di opinioni e altrettanto spesso le nostre idee erano diverse, lui lo sa. Io vedevo le cose in un modo e lui in un altro, e quando è successo abbiamo sempre confrontato le nostre idee senza nasconderci. Tra persone di buon senso si fa così.

    In tutto questo qualcuno si chiederà: a che punto è la storia? Sto mettendo mano a quella che dovrebbe essere la versione definitiva proprio in questi giorni. Colgo l'occasione di comunicarlo anche a Giuseppe, dato che non lo sa ancora nemmeno lui. Più collaborazione libera e disinteressata di così...

    Che ci crediate o meno, c'è ancora chi, nonostante una carriera ormai quasi ventennale, svolge ancora alcune attività per pura passione. Passione per il fumetto e per un personaggio ancora molto amato da tanti lettori. Saluti a tutti.

    Alberto

    RispondiElimina
  10. Giuseppe Di Bernardo sfruttatore è un ossimoro.
    Ci conosciamo da quasi venti anni e spesso e volentieri abbiamo pareri e convinzioni diametralmente opposte, ma sfruttatore...

    RispondiElimina
  11. Conoscendo Giuseppe, quella mail se l'è scritta da solo per il solo scopo di portare gente nel suo blog e guadagnare soldi in qualche modo occulto! ;-)
    Detto questo, io non ci vedrei nulla di male nemmeno nel mettere gli annunci, come ho visto fare da qualche altro autore.
    La storia è semplice: caro disegnatore di vent'anni pronto a farti almeno cento tavole di gavetta, io ti metto a disposizione una sceneggiatura e sopratutto una SUPERVISIONE professionale che ti permetterà di scrivere il tuo nome sopra un personaggio bene o male famoso, quanto meno nel settore. Ci stai?

    A me piace scrivere, di tanto in tanto, e per favore datemi un nome che sia uno il quale alla mia richiesta di scrivere una storia con il suo personaggio, risponderebbe "bell'idea, ti aiuto io."
    E' vero, forse quella storia che ho scritto ha alimentato una causa persa e dato false speranze ad un personaggio in terapia intensiva, ma io ora scrivo un pochino meglio e ho un grande debito verso una certa persona...
    che scopro ora stare sempre mezzo ubriaco nei pub!!! VERGOGNA DIBE!!!

    RispondiElimina
  12. Giuseppe è una delle persone migliori che io conosca, nonchè una delle più professionali. Questo signore non sa nemmeno lontanamente di cosa sta parlando. E non solo riguardo Giuseppe, considerando che ipotizza che chi si occupa di fumetto possa avere del tempo libero.

    Confesso che mi piacerebbe sapere chi sia in realtà. Senza aggiungere altro.

    RispondiElimina
  13. Ringrazio tutti per la testimonianza.


    Tornando sulla questione, se la domanda è semplicemente: "ma non ti viene voglia di disegnare le tue stotie?", la risposta è CERTO.
    Ma mi piace anche moltissimo stare dalla parte della regia. Insomma... forse non sono un solista, ma mi vedo meglio come direttore d'orchestra ;)

    RispondiElimina
  14. Oh, oh! Sono le 22:00! Vado al Pub!
    :DDDD

    RispondiElimina
  15. Comunque, Alessandro, chiunque tu sia, mi hai suggerito una riflessione e come spsso capita, indicato un mio errore. Un errore in cui non cerco di cadere, ma si sa, siamo fatti di carne.

    Mi stavo lagnando un po' troppo.
    Io sono fermamente convinto che la colpa non sia mai degli altri, ma siamo noi stessi che abbiamo provocato le cause che ci hanno portato ad un punto che magari, in una piccola parte di noi volevamo davvero.
    In soldoni, per cambiare le cose bisogna per prima cosa cambiare noi stessi.
    Forse è anche per questo dettaglio che mi sono così irritato, perché è un tasto dolente e so anche che è vero.
    Per questo ti ringrazio. Grazie di aver messo il dito in una piaga che forse non volevo vedere.

    Però "sfruttatore" no, eh! ;)

    RispondiElimina
  16. Salve a tutti. Mi permetto di replicare ad Alessandro dal punto di vista dello "sfruttato". Premetto che non provo molta simpatia per le persone che prima affermano di non voler fare polemica e poi utilizzano toni e termini, come appunto "sfruttare", che della polemica hanno tutto l'aspetto. E questo è un tono polemico. Apertamente polemico. Mi dispiace, ma tant'è.
    Prima di tutto quando Giuseppe mi ha proposto di scrivere una breve storia per l'Insonne non lo ha fatto puntandomi una pistola alla testa. E' stato chiaro fin da subito come stavano le cose, poi stava a me scegliere se fare o non fare. Ho scelto di fare. Come è già capitato e capiterà. Fare lo sceneggiatore di fumetti non è il mio mestiere, lo lascio fare a chi lo sa fare. Però ho voluto provarci, ho accettato la sfida. Ho scoperto il mondo di Desdemona, le sue potenzialità. Se avrà il futuro che secondo me merita, sarò felice di aver dato il mio piccolissimo contributo. Che va ben oltre la remunerazione. Parlare di sfruttamento è fuori luogo, e mi irrita leggere certe affermazioni che, in modo indiretto, mettono in dubbio una mia eventuale dabbenaggine. Mia e di quelli che la pensano come me, di quelli che hanno scelto di fare. Di farsi "sfruttare". No, lo sfruttamento è cosa ben diversa. Giuseppe è stato molto più diplomatico di me. ;)

    RispondiElimina
  17. Caro Giuseppe non avrei mai immaginato che un semplice mio commento su un altro tuo post sarebbe diventato addirittura un topic su cui aprire una sorta di arena. Mi tiro subito fuori da questa polemica che si è generata senza che io lo volessi. Non volevo assolutamente accusarti di niente.
    Semplicemente essendo tu un autore affermato in grado di disegnarti da solo il tuo personaggio, non comprendevo il perché di tanti lamenti.
    Le tue giustificazioni non mi convincono. Ci sono stati e ci sono padri di famiglia che hanno fatto tre lavori insieme per dare ai loro figli un futuro. Ecco tu consideri Desdemona tua figlia, ecco non penso che sia impossibile trovare del tempo per disegnarla, a parte che sarebbe una sfida artisticamente interessante vederti all'opera proprio sulla tua creatura.
    Massimo Ambrosini è un magnifico disegnatore, che ha creato personaggi come Dix e Napoleone e di cui ha realizzato cover e interi albi!!!!
    Non era mia intenzione infilare il dito nella piaga. Dico solo che hai mille modi per continuare a raccontare il tuo personaggio senza necessariamente far realizzare tavole gratis.
    La moda del momento, infatti, sembra quella di offrire magnifiche opportunità di "lavoro" attraverso la realizzazione di fumetti per cui non vi è compenso. Davvero e l'Insonne su Verticalismi sono i decani.
    Giuseppe io ti vorrei vedere su l'Insonne come disegnatore, questa è la tua sfida del futuro.
    Un abbraccio e per favore non alimentare polemica. Alessandro

    RispondiElimina
  18. Guarda, sono le 1:04 e io sto ancora a disegnare DK perché ho passato la giornata a rivedere pdf che dovevano andare in stampa, sceneggiature e disegni vari.
    I padri di famiglia che conosci tu mi sa che soffrivano d'insonnia. Altro che Desdemona :D
    Ma dove caccio lo trovo il tempo?
    E tu, che cacchio ne sai della mia vita?

    Il paragone col maestro Ambrosini non regge. Ambriosini non ha fatto Napolene per la Free. Se L'Insonne avesse auto un editore dalla grande diffusione, forse farei quello a tempo pieno. Ma aimè, non sono padre di famiglia però la pagnotta la devo portare comunque a casa.

    Io non alimenterò la polemica, ma tu falla finita di insinuare che "faccio realizzare storie gratis".
    Perché non è vero. Casomai sono stati gli autori a chiedermi una sceneggiatura da disegnare.

    Disgraziati che non siete altro! Mi state sfruttando! :D

    Basta, dai. Non ho più voglia. Siete solo dei vampiri psichici. Vi esorcizzo.

    RispondiElimina
  19. Non riesco a comprendere questa tua risposta. Sei stato tu a lanciare l'arruolamento per nuovi pirati da lanciare sulla nave Insonne dopo l'ennesimo no.
    Sei stato tu a scrivere che avresti sfruttato l'Insonne per creare nuove storie non retribuite grazie all'aiuto di nuove reclute.
    Io ti ho solo domandato perché non te lo disegni da solo. Tu mi rispondi tutt'altro.
    Io noto solo che potresti trovare il tempo, tutto si può. Senza polemizzare sia chiaro. E guarda che non la penso solo io così. C'è molta gente che si sta iniziando a stranire all'idea di vedere tutti questi fumetti fatti con manovalanza gratuita. Notte. Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. >Io ti ho solo domandato perché non te lo >disegni da solo. Tu mi rispondi tutt'altro.

      Aspetta provo ad essere più diretto e chiaro.
      Io non posso farcela da solo (perché faccio più di due lavori, da bravo padre di famiglia). Potrei fare un episodio di 5-6 pagine ogni sei mesi. Inutile.
      Aggiungo (e sono certo di non venir smentito), in molti autori mi hanno "invitato" a seguire la strada del fumetto on line. Gli autori stessi. Capisci? Dei veri martiri masochisti!

      >Io noto solo che potresti trovare il tempo, tutto si può.

      Io non ce l'ho.
      E ti pregherei di farla finita con questo ritornello, perché non hai idea di quella che è la mia vita. Magari ho un malato da accudire, o una famiglia da aiutare. Che ne sai? Insomma, con certe affermazioni si rischiano degli scivoloni.

      >C'è molta gente che si sta iniziando a stranire all'idea di vedere tutti questi fumetti fatti con manovalanza gratuita.

      Oh, le animebelle dei comics! Quelli che ce l'avevano tanto con "Davvero". Peccato che ora "Davvero" sia su carta e molti disegnatori ora hanno un lavoro retribuito ;)
      Che poi la cosa davvero BUFFA è che non sono i disegnatori che partecipano a queste iniziative (no profit, ricordiamolo), che protestano! Loro sono felicissimi!

      Alessandro, io non so chi tu sia. Probabilmente mi stai dicendo queste cose col massimo della sincerità e della innocenza. Allora mi scuso se posso essere apparso sgarbato. Però, credimi... le scelte che ho fatto sono sempre dettate dalla correttezza. Buonanotte. Ora stacco pure io, altrimenti non basterà il collirio domattina.

      Elimina
  20. In ogni non vedo dove sta il problema, Giuseppe. Anche se tu facessi "disegnare fumetti gratis", una volta che gli accordi sono chiari da subito e il disegnatore accetta nonostante non ci sia compenso, non sarebbe comunque "sfruttamento". Ci sarebbe il consenso reciproco e sarebbe dunque un accordo a tutti gli effetti.

    Per quanto riguarda il tempo libero, purtroppo chi non disegna non può capire fino in fondo l'attività del disegnatore. Non è una colpa, intendiamoci. Però, se le cose non si conoscono fino in fondo, sarebbe meglio evitare giudizi e paragoni che finiscono inevitabilmente per essere fuori luogo. ;)

    Alberto

    RispondiElimina
  21. Come detto da Giuseppe, sono tutti professionisti con la professione degli altri! il lettore di fumetto, anche quello un minimo informato, pensa al lavoro del disegnatore come a quello di un operaio che una volta che sono le 20 finisce torna a casa e si rilassa al pub con gli amici.... Sarebbe bello fosse così, la realtà è molto diversa e ti assicuro che se Di Bernardo dice di non avere tempo, è davvero cosi! Tra l'altro questa cosa del dire "è un personaggio tuo disegnalo tu senza sfruttare dei dilettanti" mi sa tanto di una scusa, essendo degli esordienti non possiamo vantare un disegno bello e professionale come i professionisti e quindi il lettore medio tenderà a criticare tale scelta del disegnatore esordiente con una scusa come quella del signore della mail.
    Lavorare gratis per farsi le ossa e ottenere visibilità è una cosa abbastanza normale, quanti ragazzini vengono sfruttati durante i periodi estivi da datori di lavoro che veramente si può affermare che li "Sfruttano", però in quel caso sono i genitori stessi a consigliare ai propi figli di trovarsi un lavoretto per "crescere".
    Quindi tutti quelli che come me han collabborato con Di Bernardo devono solo ringraziarlo, io sono conscio che un lettore vorrebbe avere sempre l'accoppiata bella storia+bei disegni, ma dovreste cercare anche di capire che i nuovi "professionisti" del futuro da qualche parte devono anche iniziare! Sfruttamento in questo caso è una parola che veramente è fuori luogo, perchè entrambi le parti ottengono qualcosa.
    Comunque spero di non aver alimentato altra polemica!
    Un Saluto

    Stan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ross (uno dei disegnatori per le storie di Verticalismi che poi ha anche trovato qualche lavoretto grazie a questa collaborazione ;) Lo dico per l'amico Alessandro).

      Sui prossimi episodi de L'Insonne scriveremo:
      "Per la realizzazione di questo fumetto non è stato maltrattato nessun disegnatore".

      Elimina
  22. Beh, Giuseppe... però è chiaro che il tizio non ha tutti i torti. Se invece di perdere tempo con questo botta e risposta avessi disegnato l'insonne, forse ne avresti fatta già una tavola ;oD

    Idiozie a parte, forse questo Alessandro non ha capito che già per tirare avanti fai due lavori, e quello per la Star Comics dev'essere abbastanza "invadente", perché immagino che ti arriveranno quintali di mail a cui rispondere e quantità enormi di materiale da visionare.

    In ogni caso, Ambrosini (che poi si chiama Carlo e non Massimo) ha disegnato solo due numeri di Jan Dix su 14 (28 mesi di pubblicazione). E' chiaro che, se per guadagnarsi da vivere avesse dovuto disegnare altro, non si sarebbero visti nemmeno quelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. >Beh, Giuseppe... però è chiaro che il tizio non ha tutti i torti. Se invece di perdere tempo con questo botta e risposta avessi disegnato l'insonne, forse ne avresti fatta già una tavola ;oD

      Questo è assolutamente VERO :)

      Elimina
    2. Aggiungo...
      La faccenda della Star è spesso troppo invadente. Ci sono giorni in cui io attacco a disegnare Diabolik con continuità dalle 18 del pomeriggio.

      Elimina
  23. Esprimo tutta la mia solidarietà a Alessandro,vedo che ci sono altre persone che la pensano come me . U_U

    RispondiElimina
  24. Ciao a tutti, sono Luigi Criscuolo e sono stato adescato dal DIBE in una balera!
    Sentivo il bisogno di confessarlo a qualcuno...
    La verità è che io ho contattato Giuseppe e da subito è stato chiaro: la COLLABORAZIONE è a titolo gratuito.
    Quello che fa Giuseppe nessun altro lo fa, cioè unire e far conoscere due WANNABE scrittore e sceneggiatore e farli collaborare sotto la sua supervisione.
    La sua supervisione è da intendere non come strumento di controllo ma vero e proprio EDITING, cioè roba che noi esordienti al momento possiamo solo sognare.
    Non voglio fare polemiche da fumettaro per cui...
    Ciao e lunga vita a Desdy

    RispondiElimina
  25. Io mi sono offerto sia per la mia storia ("Il grande fratello ti ama" disegnata da Arjuna Susini) sia per ciò che ci riserverà il futuro per una questione molto smeplice, perché mi piace L'Insonne. Altri motivi non ne vedo e, per quel che mi riguarda, altri motivi non mi servono.

    RispondiElimina
  26. Se posso permettermi, credo che quel che non è ancora chiaro ad Alessandro sia solamente questo:
    "Potrei fare un episodio di 5-6 pagine ogni sei mesi. Inutile."
    Penso che non comprenda bene perchè non gli dedichi tempo anche solo per mezza vignetta al giorno visto che è un progetto a cui tieni...
    Non comprende perchè sia INUTILE. Forse, se ho ben capito, è solo questo che dovresti spiegargli. ;)

    La nostra società è avvelenata dagli eventi del momento e per molti è normale pensare a "sfruttamenti."
    Chi ti conosce lo sa che agisci con onestà, razionalità e sincerità. Sfruttatore non lo sei di certo fin quando metti fin da subito in chiaro la situazione.
    Personalmente credo che il tempo che dedichi all'insonne sia tanto e che ami il tuo prodotto non dimostrandolo di certo "solo" disegnandolo. Io ti trovo un ottimo "padre" e ti ammiro molto per questo. ;)

    RispondiElimina